Abraham: "Devo concentrarmi sulla Roma, ma in futuro mi piacerebbe giocare in Premier League"

4 Aprile 2022
- Di
Redazione
Tempo di lettura: 3 minuti

AS ROMA ABRAHAM - La Roma vince nel match della 31° giornata di Serie A battendo al Ferraris la Sampdoria. La rete di Mkhitaryan regala 3 punti importanti ai giallorossi che così possono tornare a sognare la Champions League. Dopo il match è tornato a parlare anche Tammy Abraham al quotidiano britannico talksport. Ecco le sue parole. 

L’arrivo in Italia di Abraham

"Da giovane ragazzo inglese volevo rimanere in Inghilterra. Avevo offerte dalla Roma, dall'Atalanta e da molte altre squadre, mi stavo convincendo di voler rimanere in Premier League e che avevo qualcosa da dimostrare. Ma mio padre, i miei genitori e l'agente mi hanno fatto sedere e mi hanno detto'hai segnato gol al Chelsea, allo Swansea e al Bristol City, vai a metterti alla prova all'estero'. Mi sono reso conto che pochi giocatori possono dire di aver avuto successo in Italia, in Serie A e in una squadra come la Roma. Non mi sono mai tirato indietro , quindi quando è arrivata questa sfida ho pensato che, dato che sono ancora giovane, questo è il momento migliore per affrontarla".

Il rapporto con Mourinho

"Mourinho è un personaggio che tutti conosciamo. C'è un motivo per cui lo definisco il miglior manager del mondo. Sa come guidarti, sa come entrarti dentro e sa come farti sentire un giocatore molto speciale. Mi spinge di continuo a fare del mio meglio. Quando sento di aver fatto abbastanza, mi dice che devo fare di più. L'ho vissuto quando ero al Chelsea da bambino, andavo ad allenarmi con la prima squadra e lui era sempre duro con me, mi spingeva sempre a migliorare. Questo è esattamente ciò di cui avevo bisogno, specialmente dopo la difficile stagione che ho avuto al Chelsea dove non stavo giocando. Venire qui e avere un manager come Mourinho che ti allena e crede in te, ti dà solo più fiducia".

Sul ct della nazionale Southgate...

"Mi ha mandato un messaggio prima della pausa. Penso che abbia guardato la mia partita con la Lazio, mi ha detto di aver apprezzato il mio modo di giocare, che ama la mia passione e che ho bisogno di portare avanti questa mentalità e questa fame. È bello sapere che vieni riconosciuto anche quando giochi lontano dall'Inghilterra".

Abraham sui colleghi attaccanti

"Quando segni o non segni, controlli sempre se un altro attaccante fa gol. Lo faccio anche in Serie A. Se non segno una partita,  controllo per vedere chi abbia segnato tra i maggiori attaccanti. Mi piace vedere altri giocatori, specialmente gli attaccanti inglesi che fanno bene. Harry Kane è tornato in forma e sta segnando molti gol, Dominic Calvert-Lewin è tornato a giocare sui suoi livelli, Ollie Watkins sta facendo bene. È stimolante vedere altri giocatori fare bene perché ti spinge a fare ancora meglio. Questa è la mentalità che ho. La concorrenza è con me stesso. Se non segno una partita e non gioco bene non riesco a dormire la notte, e se sciupo un'occasione da gol ma segno lo stesso, sono arrabbiato perché voglio segnare di più".

Abraham parla delle voci di mercato che lo riguardano

"Quando vedo che mi accostano ad altri club mi fa sentire bene, ti fa sentire come se stessi facendo qualcosa di giusto. È una bella sensazione vedere il tuo nome su tutti i giornali. Ma devo concentrarmi sulla Roma, poi chissà cosa mi riserva il futuro.  Naturalmente sono cresciuto in Inghilterra, sono un ragazzo londinese, quindi forse un giorno tornerò in Premier League. Ma in questo momento sono concentrato solo sulla Roma, voglio fare del mio meglio e spero di vincere con questi ragazzi un trofeo che manca da molti anni"

© Copyright - Romanistaweb.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram