Coppa Italia, Inter-Roma, Inzaghi: “Non era una partita semplice, la Roma ha una squadra di qualità con un'ottima rosa”

Tempo di lettura: < 1 minuto

COPPA ITALIA ROMA INZAGHI - L'Inter ha battuto per 2-0 la Roma di un José Mourinho che per la prima volta tornava a San Siro da avversario dei nerazzurri. Per Simone Inzaghi e la sua squadra doveva essere la partita del riscatto dalla sconfitta del derby in Serie A, che ha permesso al Napoli di rifarsi sotto in classifica. Al termine del match ha parlato così il tecnico dei meneghini. 

Impressioni su Inter Roma

"I ragazzi sono stati bravissimi. Non era una partita semplice, la Roma ha una squadra di qualità con un'ottima rosa. Abbiamo tenuto bene il campo e meritato la semifinale. Ho fatto i complimenti alla squadra, sono stati bravi a organizzare una gara di personalità dopo due giorni e mezzo dal Derby. Io penso che comandare la partita non è semplice. Lo facciamo quasi sempre ma dobbiamo mettere in conto che ci sono gli avversari, che si chiamano Napoli, Milan, Liverpool, Roma. Dobbiamo mettere in conto che ci sono momenti dove soffrire, stavolta siamo stati bravi a tenere la porta inviolata", ha detto il mister ai microfoni di Sport Mediaset.

Calcio, le timori di Simone Inzaghi in vista di Napoli Inter

"Adesso avremo un problema a Napoli per la squalifica di Bastoni, che si è anche fatto male. Dovremo cercare di prepararci nel migliore dei modi. Tour de force proibitivo, tra Napoli e Liverpool? Mentalmente e fisicamente stiamo bene, a parte i due risultati diversi penso che le due prestazioni contro Milan e Roma sono state buone entrambe. Abbiamo qualche infortuni e squalifiche, ma dobbiamo andare avanti in questa direzione”.

Materazzi: "Per Mourinho sarà “speciale” rivedere San Siro nerazzurro, la sua vecchia casa"

Tempo di lettura: < 1 minuto

INTER ROMA MOURINHO MATERAZZI - Marco Materazzi ex difensore allenato anche da Josè Mourinho ha parlato del ritorno dello Special One a San Siro da avversario. Dai tempi del triplete il tecnico non è mai tornato a sfidare l’Inter da avversario e questa sera sarà la prima volta e lo farà dalla panchina della Roma. Materazzi ha rilasciato la sua opinione sulle emozioni che potrà provare l’allenatore in un'intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport. 

Che cosa avrebbe detto Mourinho dopo un derby perso in quel modo?

Avrebbe “voluto” una partita così: con la Roma è l’occasione migliore per rifarsi. Nessuno sa entrare nella mente dei giocatori come lui, infatti aveva costruito una squadra d’acciaio soprattutto dal punto di vista psicologico: eravamo capaci di aggirare ogni ostacolo”.

Come vivrà “il ritorno”? 

Mou ha già giocato una volta contro l’Inter in campio- nato ed è già tornato a Milano in altre occasioni, ma questa sarà una partita particolarmente emozionante: sarà “speciale” rivedere San Siro nerazzurro, la sua vecchia casa, e tornare lì dove è stato così felice, ma non dimentichiamoci ciò che più conta per tutti, ovvero la qualificazione in semifinale di Coppa Italia”.

Al fischio iniziale tutto finito?

 Il campo comanda sempre ed è giusto che il suo cuore ora batta per la Roma: lavora per la Roma e vorrà vincere a tutti i costi. A margine, proverà le stesse sensazioni che proveranno tutti gli interisti: grande amore, riconoscenza, ricordi indimenticabili, ma quando si gioca tutto passa in secondo piano”.

Moratti: “Il ritorno di Mourinho a San Siro da avversario non me lo perderei per niente al mondo”

Tempo di lettura: 2 minuti

ROMA INTER MOURINHO MORATTI - Per la prima José Mourinho torna a San Siro da avversario. La città che ha portato a vincere il triplete, ha assicurato Massimo Moratti, lo accoglierà come si deve. L’ex presidente lo ha detto ai microfoni del Corriere dello Sport in una lunga intervista. 

Mourinho torna a San Siro

“Il ritorno di Mourinho a San Siro da avversario non me lo perderei per niente al mondo. Lo ammetto, un po’ mi farà impressione vederlo salire dalla scala degli spogliatoi e accomodarsi sulla panchina ma non dell’Inter. So già che mi emozionerò perché mi torneranno alla mente le immagini di quando è stato protagonista con noi: all’Inter e a Milano José ha regalato tante cose belle che non si dimenticano con il passare del tempo”

Unica squadra italiana a centrare il triplete

“Suona bene anche a distanza di tempo (ride, ndr) e per questo sarà un piacere rivedere Mourinho a San Siro. A dire la verità in me c’è anche un po’ di curiosità per la sua nuova veste. Finora al Meazza lo avevo visto come avversario del Milan, mai dell’Inter”

Non è che tiferà per lui? 

“No, non scherziamo... Anche se per lui nutro molta simpatia, io tifo per l’Inter. José lo sa e lo capirà”.

Mourinho si emozionerà a trovarsi di fronte il suo ex pubblico? 

“Credo proprio di sì perché all’Inter e agli interisti è davvero legato, ma nessuno si aspetti regali”.

I suoi recenti sfoghi contro gli arbitri le hanno portato alla mente qualche ricordo di quei due anni nerazzurri? 

“Sa cosa le dico? Di tempo ne è passato, ma lui si difende sempre... abbastanza bene (ride, ndr)”.

Al di là delle proteste con gli arbitri, passate e attuali, il portoghese a Roma non sta ottenendo grandi risultati. 

“All’inizio pensavo avesse una buona squadra, ma non una rosa completa per competere per il titolo e in effetti non mi sbagliavo. Adesso mi sembra che la squadra sia stata migliorata e può disputare una buona seconda parte di stagione. Per lui è una nuova avventura, in una piazza calda e non semplice: gli va dato tempo, ma farà bene”. 

Convinto che vincerà qualcosa anche nella Capitale? 

“Secondo me sì. La sua carriera parla per lui: certo, gli va dato tempo di costruire, ma sulle sue capacità e sul fatto che sia un vincente non ho dubbi”. 

Intanto è entrato nel cuore dei tifosi giallorossi. 

“Normale. E’ uno che si sa far voler bene, ma è anche bravo, serio e professionale. Conquista tutti perché non prende superficialmente l’incarico che gli viene affidato e dà tutto se stesso per ottenere i risultati che gli sono stati chiesti. O magari di più”.

Quindi i Friedkin hanno fatto bene a ingaggiarlo? 

“Hanno preso uno dei migliori in circolazione. E poi il suo ritorno è stato importante anche per il calcio italiano: un allenatore con la sua sua intelligenza, la sua presenza mediatica e le sue capacità professionali è un valore aggiunto per la Serie A”.

VIDEO e FOTO - La Roma arriva a Milano per la Coppa Italia

Tempo di lettura: < 1 minuto

Alla vigilia della gara di Coppa Italia tra  Inter e Roma, i giallorossi sono arrivati a Milano. Questo il video dell'arrivo della squadra all'Hotel Melià, documentato dall'inviato di Romanistaweb.it.

Inter, Inzaghi: "La Coppa Italia nel nostro DNA"

Tempo di lettura: < 1 minuto

INZAGHI INTER ROMA INTERVISTA COPPA ITALIA - Queste la parole di Simone Inzaghi, allenatore dell'Inter, intervistato da Mediaset alla vigilia del match contro la Roma, valido per i quarti di finale di Coppa Italia Frecciarossa.

Coppa Italia, l'intervista a Simone Inzaghi alla vigilia di Inter Roma

“La Coppa Italia è un obiettivo molto importante per noi, deve essere nel DNA dell’Inter. Adesso siamo nei quarti di finale, abbiamo questa partita importante domani. Sappiamo che con due passaggi diretti dopo l’Empoli e la partita di domani, che sarà molto difficile, si ha la possibilità di arrivare in semifinale velocemente. Domani incontriamo una squadra forte, che può battere qualsiasi avversario sempre. Hanno tantissimi giocatori di qualità, un grandissimo allenatore come Mourinho. Noi dovremmo essere bravi ad avere quella voglia di rivalsa dopo un derby perso immeritatamente, però sappiamo che il calcio è fatto di episodi. Anche la Roma non sarà contenta perché arriva da un pareggio interno contro il Genoa sicuramente immeritato. Ci sentiamo sempre a casa con i nostri tifosi. Domani è un turno infrasettimanale ma sappiamo che ci saranno e che cercheranno di trascinarci come hanno fatto dall’inizio dell’anno ad oggi. Speriamo di regalare loro una qualificazione. Ho la fortuna di avere una squadra forte e competitiva. Dall’inizio dell’anno ad oggi chi per 15, 30, 45 o 90 minuti, tutti mi hanno sempre dimostrato che ho avuto da loro sempre grande disponibilità. Veniamo da una brutta sconfitta, dobbiamo essere bravi e razionali a sapere che è successo ma dobbiamo tenerci bene in mente quello che di bello abbiamo fatto fino ad ora perché dobbiamo continuare su quello che abbiamo fatto in questi primi sei mesi”.

La Roma torna in campo, Pellegrini può recuperare per l'Inter

Tempo di lettura: < 1 minuto

TRIGORIA ALLENAMENTO ROMA - La Roma deve archiviare quanto accaduto ieri allo Stadio Olimpico contro il Genoa. Il rosso a Zaniolo e il gol annullato all'ultimo secondo, di certo, non hanno aiutato a rasserenare l'ambiente. Il compito di José Mourinho, dunque, è di riportare tutti alla massima concentrazione perché, martedì, si gioca in Coppa Italia contro l'Inter.

Allenamento Roma, si torna in campo in vista dell'Inter: la situazione di Pellegrini

Uno dei calciatori che il tecnico portoghese vuole recuperare è Lorenzo Pellegrini. Il capitano giallorosso, nell'allenamento mattutino, ha svolto una parte dell'allenamento con il resto dei compagni e questo fa ben sperare. Mourinho, infatti, dovrebbe convocarlo per la gara contro l'Inter, dopo averlo lasciato precauzionalmente a riposo nel match di campionato contro il Genoa.

P.A.

Coppa Italia, Inter-Roma si gioca l'8 febbraio: il programma

Tempo di lettura: < 1 minuto

COPPA ITALIA INTER ROMA - Attraverso una nota ufficiale, la Lega Serie A ha comunicato il programma dei quarti di finale di Coppa Italia. La Roma di José Mourinho giocherà a San Siro contro l'Inter l'8 febbraio 2022 alle ore 21.

Coppa Italia 2022, il programma dei quarti di finale

Martedì 8 febbraio 2022

Inter-Roma ore 21 - Canale 5

Mercoledì 9 febbraio 2022

Milan-Lazio ore 21 - Canale 5

Giovedì 10 febbraio 2022

Atalanta-Fiorentina ore 18 - Italia 1

Juventus-Sassuolo ore 21 - Canale 5

Coppa Italia, Roma-Lecce 3-1: tabellino

Tempo di lettura: < 1 minuto

ROMA (4-2-3-1): Rui Patricio; Karsdorp, Kumbulla, Ibanez, Maitland-Niles (1' st Vina); Cristante, Veretout (1' st Zaniolo); Carles Perez (1' st Mkhitaryan), Oliveira, Afena-Gyan (19' st Shomurodov); Abraham (41' st Zalewski).

A disposizione: Boer, Fuzato, Bove, Volpato, Persson.

Allenatore: Mourinho

LECCE (4-5-1): Bleve (21' pt Gabriel); Gendrey, Calabresi, Dermaku (1' st Lucioni), Barreca; Listkowski (20' st Fargò), Helgason (23' st Bjorkengren), Blin, Gargiulo, Di Mariano (1' st Coda); Olivieri.

A disposizione: Samooja, Gallo, Hasic, Vera, Hjulmand, Majer, Strefezza.

Allenatore: Baroni

ARBITRO: Volpi di Arezzo

MARCATORI: 15' pt Calabresi (L), 40' pt Kumbulla (R), 9' st Abraham (R), 36' st Shomurodov (R)

NOTE: Espulsi: 17' st Gargiulo (L) per doppia ammonizione. Ammoniti: Afena-Gyan, Ibanez, Abraham (R), Listkowski, Helgason, Di Mariano, Gargiulo (L). Recupero: 3' pt, 4' st.

Coppa Italia, Pruzzo: “I giallorossi non devono sbagliare troppo altrimenti sono guai”

Tempo di lettura: < 1 minuto

COPPA ITALIA ROMA LECCE - Questa sera la Roma di José Mourinho, incontrerà il Lecce per il match di Coppa Italia. La squadra pugliese è in Serie B, ma sta lottando per guadagnarsi un posto in Serie A. Roberto Pruzzo a Radio Mattino ha parlato così dell’incontro. 

Le dichiarazioni di Pruzzo

"Non sarà una partita complicata contro il Lecce, però servirà avere la testa giusta. Sono certo che Mourinho avrà guardato con attenzione la partita di ieri sera dell'Empoli perché domenica prossima c'è un impegno complicato per i giallorossi. La Roma è riuscita a complicarsi anche la sfida contro il Cagliari. I giallorossi non devono sbagliare troppo altrimenti sono guai".