Giuffredi: “Veretout? Il Napoli non prende calciatori così”

24 Marzo 2022
- Di
Redazione
Tempo di lettura: 2 minuti

AS ROMA VERETOUT GIUFFREDI – Mario Giuffredi, agente di Jordan Veretout è stato raggiunto dai microfoni di Radio Marte. Nel corso del suo intervento ha parlato molto dei suoi assistiti, specialmente di Politano e Mario Rui, attualmente giocatori del Napoli. Non sono mancati però riferimenti ad altri clienti dell'agenzia, tra cui proprio Veretout e il suo possibile futuro lontano dalla Roma. Queste le parole di Giuffredi. 

Le teorie di Giuffredi sul mercato estivo del Napoli. Pensiero su Veretout? 

“Noi cerchiamo sempre di stabilire un rapporto familiare con i giocatori, di far parte della loro vita in tutto e per tutto. Se non riusciamo a creare questo tipo di rapporto vuol dire che non fanno per noi. Veretout? Il Napoli non prende calciatori così. L’idea è quella di andare sui giovani e visto il momento storico che si vive dal punto di vista finanziario va bene. Il Napoli ha già tanti giocatori esperti: c’è Lobotka, Elmas è giovane ma ha esperienza, Anguissa è esperto così come Zielinski. Il Napoli ha già tanti centrocampisti di una certa esperienza e non è detto che non ne metta un altro ma più giovane. Nel calcio oggi tutti sono portati a fare questo tipo di di discorso. Penso che il Napoli fino a quando non avrà la certezza di andare in Champions non inizierà a fare mercato”.

Il ritorno in Nazionale di Politano

“Ritorno in Nazionale? Per lui è un momento di grande soddisfazione perché fa capire ancora di più il valore del giocatore. Nei momenti delicati si chiamano i giocatori forti e che possono determinare. Se è stato chiamato vuol dire che Mancini lo reputa tale. Motivo di grande soddisfazione anche per noi, quando l’abbiamo preso non era nel giro e sotto la nostra gestione ci è tornato dentro. Motivo di orgoglio per il giocatore ma anche per noi”.

Giuffredi su Mario Rui

“Spalletti lo prese alla Roma ma dopo 2 giorni di ritiro si ruppe il crociato. Per me lui è motivo di grande soddisfazione. E’ più facile soccombere ai commenti negativi o al modo di pensare sbagliato nei confronti di Mario Rui, nonostante sia stato criticato è venuto fuori facendo emergere il proprio valore. Spalletti lo chiama professore? Parole lusinghiere. Il carattere di Mario Rui è la sua forza, non snaturandolo si arriva a certi livelli”.

Possibile arrivo di Parisi al Napoli? 

“Non metterei due giocatori miei nello stesso ruolo, come concetto è sbagliato. Poi dopo tutto può succedere perché magari giocando a Napoli può crescere di più, farà 16 partite e Mario Rui di più. Ma come concetto è sbagliato. Però nel calciomercato tutto può succedere. Hysaj e Di Lorenzo? Fu un momento doloroso, due giocatori dello stesso livello. Qui invece un giovane e un giocatore da grande club”.

© Copyright - Romanistaweb.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram