Shomurodov: "Mourinho si pone grandi obiettivi e mira a raggiungerli. Vuole vincere ogni partita e cerca di far lottare i giocatori per lo stesso"

15 Febbraio 2022
- Di
Redazione
Tempo di lettura: 5 minuti

AS ROMA SHOMURODOV UEFA - Dopo un inizio brillante Eldor Shomurodov sembra adesso faticare nel trovare il proprio spazio nella Roma di Mourinho. In un alunga intervista, pubblicata sui canali ufficiali della UEFA, il giocatore uzbeko ha parlato molto dei suoi obiettivi futuri, del suo passato al Genoa e del suo presente in giallorosso.

I primi passi nel mondo del calcio di Shomurodov

Sei nato nella piccola città di Jarkurgan. Raccontami della tua infanzia. Molte persone nella mia famiglia giocavano a calcio. Papà giocava, il nonno era un allenatore, anche gli zii giocavano. Pertanto, fin dall'infanzia c'era un interesse per il calcio. Grande interesse. Dall'età di sette anni io e i ragazzi siamo andati allo stadio per allenarci. Quando avevo 12-13 anni, sono andato alla Mashal Academy in un'altra regione. Lì iniziai a giocare a calcio professionalmente. Poi sono stato invitato a Bunyodkor, in cui ho iniziato a giocare nel campionato dell'Uzbekistan.

Il primo passo è l'Accademia Mashal. Quanto è stato difficile? E come ti ha aiutato la tua famiglia di football? La mia famiglia è sempre stata molto disponibile, mi ha supportato tutto il tempo, anche in caso di sconfitta. È stata dura perché ero molto giovane quando ho lasciato casa. Mi mancava la famiglia, ma capii che non c'era altro modo. Nella città di Mubarek, dove ho vissuto, fa molto caldo d'estate, come nel deserto, e molto freddo d'inverno. Ma lì gli allenatori sono bravi, l'accademia è molto buona. E per i giocatori le condizioni sono discrete, quindi abbiamo dovuto resistere e lavorare.

Tutti i tuoi allenatori dicono che il principale punto di forza di Eldor Shomurodov è la sua mentalità. Sei molto ambizioso e concentrato sul raggiungimento del tuo obiettivo. Hai sempre sognato di raggiungere i campionati principali in Europa? A Mashala, quando giocava la prima squadra, facevamo i raccattapalle. Ho sognato di giocare a quei livelli. Volevo crescere per iniziare a giocare su questo campo per questa squadra il prima possibile. E quando ho iniziato a giocare più seriamente, ho iniziato a capire che dovevo crescere ancora di più e lottare per un palcoscenico calcistico diverso. Quando tornavo a casa, guardavamo sempre il calcio europeo. I miei parenti hanno anche detto che dovevo sforzarmi di andare lì e giocare lì. Quindi ho mi sono posto questo sogno: giocare in Europa. Alla fine ci sono riuscito!

Chi era il tuo idolo d'infanzia? Didier Drogba e Fernando Torres. Li amavo moltissimo e guardavo sempre le loro partite.

Sei un tifoso del Chelsea? Ero malato. Adesso sono un tifoso della Roma.

In Uzbekistan sei come un eroe e il capitano della squadra. Cosa significa per te questo status in così giovane età? Questo è di grande importanza per me. È difficile da descrivere a parole. Non pensavo che sarei diventato un capitano così presto e un giocatore così importante per la nazionale. Ora abbiamo un cambio generazionale, stanno arrivando giovani giocatori e da più esperto devo dare loro l'esempio, quindi questo è molto importante per me.

Quanto è importante per te la tua patria? Quante volte sei a casa? Amo molto il mio paese. Sia il paese che la nazionale dell'Uzbekistan sono importanti per me. Ci vado quando vengo convocato in nazionale o in vacanza. Altrimenti, non c'è molto tempo per tornare. Mi manca, ovviamente, l'Uzbekistan. E i miei genitori.

Sei il secondo uzbeko in Serie A dopo Ilyas Zeytullayev. Ne sei orgoglioso? Ovviamente sono orgoglioso. Ma abbiamo molti giocatori che sono in grado di giocare a questo livello. E mi piacerebbe davvero che giocassero qui, vorrei avere quanti più giocatori possibile in Europa. È un calcio completamente diverso, con velocità diverse. C'è molto da crescere qui. E più i nostri giocatori saranno in Europa, meglio sarà per la nazionale.

Prima dell'Italia giocavi a Rostov. Raccontaci di questa fase della tua carriera dopo l'Uzbekistan. Il primo anno non è andato molto bene. Era un adattamento. Mi sono abituato. C'era un calcio completamente diverso, più vicino all'Europa. Valery Karpin (il capo allenatore, ndc) mi ha dato un grande supporto, mi ha dato fiducia e tutto ha iniziato a funzionare bene per me.

L'arrivo in Italia

Ti sei fatto vedere a Rostov e hai attirato l'attenzione del Genoa su di te. Com'è stato trasferirsi in un altro paese? Il penultimo anno a Rostov l'ho trascorso molto bene. Poi ho giocato male per sei mesi ma c'erano dei motivi. Però avevo ancora voglia di giocare in Europa anche se è difficile soprattutto quando non segni. Ma il Genoa ha creduto in me, grazie al club per questo! Ho accettato il trasferimento perché era il primo passo verso il mio sogno di giocare in Europa. Per me era importante iniziare non in un top club, ma dove potevo far parte della rosa. Il primo anno è stato difficile. In Russia e Uzbekistan la mentalità è simile, ma in Europa è completamente diversa. Pertanto, i primi due o tre mesi non sono stati facili, ma poi ho iniziato ad abituarmi. Ora capisco bene come pensano le persone qui.

Puoi dirmi in che modo la cultura è diversa? Cosa c'era di nuovo qui per te? In Russia e Uzbekistan si lavora e funziona tutto per sette giorni di seguito. Qui invece non è così il sabato e la domenica, tutti riposano. Una cultura completamente diversa, una lingua diversa. Le persone la pensano diversamente.

In che modo il calcio in Italia è diverso dal calcio in Russia e Uzbekistan? Prima di tutto, le velocità che sono più alte qui. Qui prevale il calcio di potenza. E l'abilità dei giocatori, ovviamente, è maggiore.

Cosa dovevi fare per passare al livello successivo? Prima di tutto, aggiungere velocità. Non solo nel movimento, ma anche nel pensiero. Quando mi sono trasferito in Italia pensavo che avrei giocato con calma, ma già in allenamento ho iniziato a sentire che non avevo tutto questo tempo. I difensori ti marcano sempre, fanno molti falli e ho capito cosa dovevo aggiungere.

Quali qualità ti hanno portato al successo? Domanda difficile. Penso che dipenda prima di tutto dalla pazienza. All'inizio, quando era difficile, potevo dire a me stesso che questo non era il mio livello e tornare indietro. Ma ho tenuto duro. Sapevo che tutto sarebbe andato bene. E con un po' di pazienza, ora sto bene.

Il trasferimento di Shomurodov alla Roma

Come ti sei sentito quando hai saputo che un club come la Roma voleva ingaggiarti? Ho capito che dovevo cambiare mentalità. Devi andare a ogni partita pensando alla vittoria. Sapevo che qui si ponevano obiettivi alti. C'è una concorrenza più seria qui. E in ogni partita devi dimostrare di meritare di essere in rosa.

Hai detto che il tuo giocatore preferito è Didier Drogba. L'allenatore preferito di Drogba è Jose Mourinho. Ora ti sta allenando alla Roma. Com'è lavorare con uno specialista del genere? Fin dai primi giorni è diventato chiaro che si pone grandi obiettivi e mira a raggiungerli. È molto impegnativo in termini di gioco e in termini di disciplina. Vuole vincere ogni partita e cerca di far lottare i giocatori per lo stesso.

Mourinho ha reso Drogba un mostro, il miglior attaccante del mondo in quel momento. Come ti ha aiutato? Ora stiamo lavorando di più sulla tattica. Ci mostra come fare tutto e ci chiede di dare il massimo in ogni partita. Naturalmente, mi chiede anche più gol.

Con la Roma hai già segnato parecchio, ti sei distinto nel turno playoff di Conference League. È stata la mia prima partita ufficiale con la Roma. Sono stato felice di segnare nell'incontro d'esordio e di dare alla squadra la possibilità di raggiungere la Conference League. Sono state emozioni molto piacevoli.

Hai dedicato quel gol a tua nonna... Sì, ieri era il suo compleanno. Volevo farle gli auguri in questo modo. Mi sostiene molto, guarda tutte le partite. Tutta la mia famiglia - genitori, nonna e moglie - mi guarda e mi sostiene.

Quali sono i tuoi obiettivi personali e di squadra per questa stagione? Prima di tutto entrare in Champions League. E vincere la Conference League. Questi sono gli obiettivi principali. Per quanto riguarda le ambizioni personali, sono sempre associate alla squadra. Voglio aiutare la squadra a vincere e vincere trofei. Dopotutto, quando vince la squadra, vinci sempre tu.

© Copyright - Romanistaweb.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram